Film e Fumetti

Spider-Man: Far From Home Recensione: la transizione al senso di ragno

Il lungometraggio verrà presentato in anteprima venerdì 5 luglio 2019 sui cartelloni pubblicitari di tutta la Spagna Spider-Man: Lontano da casa, il nuovo nastro dell’universo condiviso dei Marvel Studios. E poi puoi leggere la nostra recensione senza spoiler.

Il regista Jon Watts è ancora una volta incaricato di dirigere le avventure da solista di Tom Holland Che cosa uomo Ragnodopo i buoni sentimenti che ha lasciato uomo Ragno: Ritorno a casa; un nastro con alti e bassi, ma che ci ha regalato uno splendido Spider-Man e un perfetto Peter Parker. Per il sequel, tutti hanno voluto ripetere, tranne Robert Downey Junior. e Michael Keaton (per ovvie ragioni). In questo modo, si racconta uomo Ragno: Lontano da casa con le apparenze di Zendaya, Jacob Batalon, Tony Revolori, Marisa Tomei e Jon Favreau; a cui i nuovi acquisti di Jake Gyllenhaal, Samuel L. Jackson (Nick Fury) e Cobie Smulders, tra le altre tipiche sorprese Marvel. Manca solo il tradizionale cameo di Stan Lee.

Peter Parker (Tom Holland) conclude l’anno scolastico e parte per un viaggio di fine anno in Europa con i suoi compagni di classe. Tuttavia, il piano di Parker di trascorrere più tempo con MJ (Zendaya) e non usa i suoi superpoteri per un po’, verrà interrotto quando Nick Fury (Samuel L. Jackson) contattalo per chiedere aiuto, poiché mancano le truppe per fermare l’attacco di alcune creature elementali che stanno causando il caos nel Vecchio Continente. A quel punto, Parker deve indossare di nuovo la tuta. uomo Ragno per fare il suo lavoro, insieme a un nuovo supereroe chiamato Mistero (Jake Gyllenhaal).

Spider-Man: Lontano da casa.  Kevin Feige ha realizzato il sogno di Tom Holland

Come nel caso del predecessore, uomo Ragno: Lontano da casa è usato come filo conduttore, come net saver (gioco di parole) per chiudere i buchi lasciati da altri film in questo travolgente universo condiviso, con alle spalle ventidue film usciti prima di questo. In questo modo, la storia di Jon Watts non serve solo a vedere l’evoluzione del uomo Ragno L’adolescente di Holland, ma anche per vedere come lui e il resto dei cittadini affrontano il caos generato dallo scatto di Thanos e gli eventi di Vendicatori: Fine del gioco. Ma, come chiusura della Infinity Saga, il super incontro di aprile sarebbe stato più appropriato di questo sequel di Spidey.

Il motivo è che sebbene parli delle conseguenze della battaglia di Endgame, il residuo che lascia non è così spettacolare come quello, dove il film in sé non significa una puntata rivoluzionaria, ma piuttosto un passaggio verso la nuova saga che è ancora da annunciare. Con l’intento di non spoilerare le ultime sorprese offerte dal film, tanto per dire che poche teorie hanno ragione su ciò che il film ci offre, con un colpo di scena e due scene post-crediti che renderanno ‘zombi meravigliosi’ e i neofiti dei fumetti, ma i veterani dei film di supereroi, hanno la testa che esplode alle possibilità che si presentano.

uomo ragno: lontano da casa.  mj e spidey

Per quanto riguarda il sequel stesso, abbandona lo stile cinematografico del liceo per diventare un film di strada degli studenti americani in tutta Europa, con i suoi cliché, riferimenti e gag che non sempre colpiscono il punto. In questo senso il film attraversa diversi alti e bassi, ma in sostanza riesce ad offrire un bello spettacolo grazie agli effetti speciali, alle sequenze d’azione, alla magica chimica tra Zendaya e l’Olanda, il carisma del suo protagonista e a Mistero nella sua salsa, regalandoci le migliori sequenze del film. Come uno dei suoi grandi difetti (e lastre) è il ruolo insopportabile di Flash svolto da Tony Revolori, peccato se si considerano le grandi sensazioni che ha lasciato con Il Grand Hotel Budapest. Senza dimenticare i docenti, che più che aiutano nel carico comico, ostacolano il racconto con i loro interventi. Anche se non tutta la colpa è degli attori, ma sta anche in una sceneggiatura che costringe troppo spesso a ridere.

Anche se in generale, questa continuazione è un gradino al di sotto del suo predecessore, con molto umorismo ma non sempre efficace, ma affronta e affronterà problemi che le altre avventure del supereroe aracnide non avevano affrontato sul grande schermo. E questo principalmente perché non riesce a superare la sua puntata precedente, essendo un capitolo di transizione, che non supera nemmeno quanto visto in uomo Ragno Due di Sam Raimi né al recente uomo Ragno: Un nuovo universo. Probabilmente il miglior cattivo uomo Ragno lo abbiamo già visto sul grande schermo, e aveva il volto di Alfred Molina.

Questi sono i cattivi che NON vedremo nei prossimi film di Spider-Man

Insomma, Marvel Studios e Sony ci presentano uomo Ragno: Lontano da casauna continuazione di uomo Ragno che fa da passaggio tra due saghe, quella delle gemme dell’infinito e quella che sarà annunciata a breve, con le sue grandi dosi di azione e situazioni divertenti, ma che lascia una sensazione agrodolce, di una commedia estiva senza grandi pretese ma divertente e piacevole, che solo carburante al suono di a Tom Holland che è una delle migliori decisioni di casting della Marvel poiché hanno dato al defenestrato l’opportunità di riscattarsi Robert Downey Junior. Solo un paio di momenti e sorprese animano la forca, dove la situazione viene coperta e salvata con le due scene post-crediti, che sono tra le migliori che l’universo condiviso abbia avuto finora, da quel cameo di Samuel L. Jackson che ha aperto un mondo fantastico davanti ai nostri occhi.

Peggio: Che non riesce a superare il suo predecessore.

Il meglio: Che le due scene post-crediti ti lasceranno a bocca aperta.

Seguici su Twitter: @cinema e @EduQuintana16

Lascia un commento

[CINE] Speciale ‘Il cinema di Martin Scorsese’

Gli anni ’90 sono iniziati bene per Martin Scorsese grazie al successo del cortometraggio Prodotto a Milano intorno alla figura di Giorgio Armani e alla sua cronaca storica su Little Italy in Uno dei nostri nel 1990, una delle storie più crude del cosiddetto sogno americano. Il film racconta la vita del gangster Henry Hill

Leer más »

Recensione di ‘Red State’: satira interessante di Kevin Smith

Recensione di ‘Red State’, l’ultimo film di Kevin Smith. Il regista e fumettista pone una satira interessante che cambia totalmente il suo registro Gli ultimi lavori di kevin fabbro ha mostrato che il suo discorso era esaurito. Che contrastava con la travolgente ironia e la buffa verbosità dei suoi inizi. e il pigro film di

Leer más »

CINEMASCOMICS ti invita al cinema per vedere RESIDENT EVIL: REVENGE

Il prossimo 5 ottobre arriva sui nostri schermi ‘RESIDENTE MALE: VENDETTA’quinto capitolo della saga basata sul popolare videogioco Capcom e vogliamo invitarvi a vedere il film faccia a faccia. Per questo facciamo una lotteria 4 biglietti doppi “Resident Evil: Revenge” valido per qualsiasi cinema dei gruppi film e casco da tutta la Spagna (ad eccezione

Leer más »

“X-Men: Dark Phoenix” non sarà intergalattico

Nuovi dettagli del film “X-Men: Dark Phoenix” di FOX. “X-Men: Fenice Oscura” è il nuovo film sui mutanti della Marvel. Funzionerà come sequel di “X-Men: Apocalypse”, ma sarà ambientato negli anni 90. Le nuove informazioni non saranno di gradimento dei fan dei fumetti. Dal momento che tutti pensavamo che sarebbe stato intergalattico. Una specie di

Leer más »

C’è un traditore nascosto nel film?

Stiamo parlando di un possibile traditore nascosto nel film dei Marvel Studios. C’è stato davvero il tradimento di qualcuno in “Avengers: Infinity War”? C’è un traditore nascosto in ‘Vendicatori: Infinity War‘? Questa è una delle domande che sono state sollevate dal subforum di Reddit dopo aver visto e analizzato il film di Marvel Studios e

Leer más »

Il cavaliere oscuro risorge

Cronaca di ciò che ha dato la premiere londinese di “The Dark Knight Rises”, a cui ha partecipato il team. Tutto è pronto per la premiere di The Dark Knight: The Legend Reborn, uno dei grandi eventi dell’anno. Fotografia: Oscar Sanchez Erano da poco passate le cinque e mezza del pomeriggio quando l’acrobata (tumbler) fece

Leer más »

Harrison Ford mostra il suo infortunio in Indiana Jones 5

Poche settimane fa è arrivata la notizia che Harrison Ford era rimasto ferito durante le riprese di Indiana Jones 5, ora possiamo vedere una foto delle sue condizioni. Harrison Ford nonostante abbia compiuto 79 anni, intende rimanere un eroe d’azione. Ecco perché sta rotolando indiana jones 5 che sarà probabilmente l’addio al suo famoso personaggio.

Leer más »

La scena eliminata di Shang-Chi si collega a Iron Man del 2008

Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli è ora disponibile su Blu-rayed è stata rivelata una scena eliminata collegata al primo film di Iron Man Wenwu, la versione MCU del classico cattivo dei fumetti noto come Mandarino, in un certo senso è in circolazione sin dall’inizio. Una cellula dei Dieci Anelli è stata responsabile del

Leer más »