Film e Fumetti

Recensione di Gli ultimi giorni del crimine americano. Una noiosa esagerazione

The Last Days of American Crime, il nuovo film d’azione di Netflix arriva sui nostri schermi con qualche critica sociale e molto sangue, con un interesse che svanisce man mano che le riprese avanzano, troppi fuochi d’artificio per una festa così piccola.

Su gli ultimi giorni del crimine americano, Gli Stati Uniti fermeranno per sempre il crimine, con un segnale infrasuoni che controlla gli impulsi violenti e criminali rendendo incapace il criminale. Questo dispositivo era un segreto fino a poco tempo, e la popolazione si è insorta furiosa contro di esso. Nei giorni che precedono l’avvio del meccanismo, prima che commettere un reato sia impossibile, un gruppo di emarginati si accinge a compiere una rocambolesca rapina, che sarà l’ultimo crimine americano.

Quella che a priori è una buona trama per un film d’azione con accenni di thriller, finisce per essere una scusa per concatenare scena dopo scena di azione di ogni tipo. Anche i dialoghi finiscono per essere sfide verbali e litigi, non troppo ben eseguiti.

Il film è basato sul fumetto Gli ultimi giorni del crimine americano un’opera di Rick Remender e Greg Tocchini che si distingue per il suo carattere noir, la sua crudezza e il disegno di alta qualità. Nelle sue pagine troviamo una società distrutta in cui essere un emarginato era brutto, e sarà peggio. Ecco perché alcune persone disperate si uniscono in un ultimo tentativo di risolvere le loro vite con un colpo brillante nel momento peggiore. Tutti gli elementi che Chandler, Hammett o Thompson hanno creato con il genere nero avevano il loro posto. Niente era nuovo, ma è stato usato molto bene e la storia diretta e dura, senza esitazione, è stata accattivante.

cornice Gli ultimi giorni del crimine americano

Di tutto questo, il lavoro di Olivier Megaton, nome d’arte dato dalla coincidenza della sua nascita con la data del lancio della bomba atomica a Hiroshima, prende gli elementi di base e li nutre con nuovi colpi di scena e dettagli, ingombrando il film di troppo. Sebbene all’inizio non siano stonati, il loro utilizzo finisce per appesantire molto il ritmo. Perché il ritmo è strano, ogni 10 minuti succede qualcosa, un litigio (fisico o psicologico), un inseguimento, una rivelazione, senza diventare colpi di scena, inizia una sottotrama. Ma si risolve velocemente prima del successivo, per non intralciare la narrazione, dando vita a mini spazi di tensione, che finiscono per produrre sazietà, la sensazione non è continua, ma va e viene, ma tante volte che lo spettatore si stanca e finisce per staccarsi dal film.

Gli attori senza essere cattivi, lavorano con poco, quando viene dato loro qualcos’altro, viene loro tolto in modo che nulla venga esteso troppo, il film avanza per sottotrame, quindi a parte la trama principale e la storia d’amore, no ci sono grandi momenti per mettersi in mostra. Spicca Michael Pitt, che sfrutta gli spazi che gli sono rimasti per sembrare un maniaco con pochissime viti fisse, e che esemplifica come la follia della situazione stia distruggendo il Paese, il papa-stato vuole tutti sereni, e il papa di Pitt lo vuole morto, in modo che non dia fastidio, come gli Stati Uniti, alla sua popolazione. Edgar Ramírez va in automatico con scarso interesse per qualsiasi cosa, essendo molto duro e dimostrando di avere un cuore di tanto in tanto.

Il montaggio e la direzione non aiutano troppo all’aggancio. Il primo è strano, lento e denso all’inizio, allunga le sequenze inutilmente per creare un senso di profondità che non è reale, poi accelera all’improvviso e non si ferma fino alla fine del film. Megaton è uno di quelli selezionati dalla casa di produzione di Luc Besson per realizzare il suo film d’azione realizzato in Francia. preso cura di Vendetta (preso) 2 e 3, e sembra che quando è tenuto a corto dai produttori, sia in grado di tenerlo insieme. Ma qui nessuno controllava il francese, e la regia è un mucchio di inquadrature che non sono mai ferme e sembrano sempre cercare il confronto, come se volessero che lo spettatore colpisse lo schermo. Alla fine, più che volerlo fare, ti fanno venire voglia di spegnerlo.

Una delle risorse più pure del genere nero che il film prende è quella del narratore che completa la trama con i suoi monologhi. Ma questo scompare dopo il primo terzo del film perché il regista non può aggiungere nulla alle scene di pura azione, solo esplosioni. Una risorsa che sembra indicare che siamo in un genere ma che alla fine viene dimenticato, tanto quanto il genere stesso, passando dal neo noir a un puro e semplice film d’azione.

The Last Days of Crime è un film che per gli amanti dell’azione può essere intrattenimento, ma che non si aggiungeranno alla loro lista di titoli importanti, perché alla fine è monotono e istrionico a un livello tale, che ti auguri di di due ore che dura. Il suo più grande successo, confermando la teoria della relatività, il tempo percepito può essere più lungo di quello reale, 140 minuti sembrano 240.

Puoi anche vedere la nostra recensione sul canale qui sotto

Lascia un commento

Recensione di “Legion: Trauma”: Viaggio al centro della follia

Si tratta di ‘Legion: Trauma’, la nuova storia del folle mutante David Haller per mano del sensazionale sceneggiatore Peter Milligan. Tendiamo a pensare ai supereroi come a entità superiori che si limitano a servire l’umanità, a combattere i cattivi e a compiere grandi azioni con le quali scrivono la propria storia. E così quando leggiamo

Leer más »

How I Met Your Marvel: Strip Marvel Intervista

Sei un fan di Strip Marvel e vuoi sapere come ha aperto il suo canale YouTube? Questo e molto altro di seguito Il popolare youtuber Dani Lagi, meglio conosciuto come Strip Marvel, è in tournée in Spagna con il suo Show ‘Come ho incontrato la tua Marvel’ e ci ha rivelato, tra l’altro, ciò che

Leer más »

Nuovo gameplay di Rise of the Tomb Raider in modalità invisibile

Immagini da “Rise of the Tomb Raider”. L’ascesa del Tomb Raider. Durante la conferenza stampa Microsoft al Gamescom 2015Square Enix e Crystal Dynamics hanno mostrato alcune delle novità della prossima puntata di ‘Tomb Raider’ mostrando un gameplay con le molteplici opzioni che i giocatori possono scegliere durante il gioco. In seguito, i fan sono stati

Leer más »

Daredevil dei Marvel Studios sarà molto diverso da quello di Netflix

L’attore Charlie Cox tornerà nei panni di Daredevil, ma questa volta all’interno dell’universo cinematografico dei Marvel Studios. Ci sono molte voci che circondano l’epico ritorno di Charlie Cox Che cosa Temerario entro Marvel Studiosdalla serie di Netflix ha scioccato tutti i fan del personaggio. Per ora, è stato ipotizzato che lo vedremo nel film. Spider-Man:

Leer más »

Dune 2 potrebbe avere un cameo sorprendente

Montaggio con i due attori che hanno interpretato Paul Atreides in Dune (Warner Bros. Pictures) Un sorprendente cameo potrebbe apparire in Dune 2, il tanto atteso sequel della saga di fantascienza diretta da Denis Villeneuve. Kyle MacLachlanil primo Paolo Atreides della storia del cinema, ha parlato della possibilità di fare un cameo Dune 2il tanto

Leer más »

IL RE LEONE: Simba è ancora il re

Il Re Leone rimane un classico dell’animazione senza tempo. Nel 1994 esce “Il re leone”, uno dei migliori film della fabbrica Disney e anche uno dei migliori film d’animazione della storia. I responsabili di questo film di successo sono stati Roger Allers e Rob Minkoff. Se passiamo in rassegna le sue filmografie vediamo che Roger

Leer más »

Trailer della terza stagione di The Boys: che serie selvaggia!

Billy Butcher, Karl Urban Il trailer della terza stagione di The Boys è già stato rilasciato e… che barbarie! La serie Amazon Prime Video non ha un tetto. La follia è tornata! Video Amazon Prime ha finalmente pubblicato il primo Trailer della terza stagione di The Boys. La terza stagione sta per arrivare sulla piattaforma

Leer más »

Kate Mara si rammarica di aver girato i Fantastici Quattro (2015)

L’attrice Kate Mara racconta come sono state le registrazioni dei Fantastici Quattro e perché la ricorda come un’esperienza orribile. I Fantastici Quattro è la prima famiglia di supereroi fumetti meravigliosi. La squadra lo ha saputo adattare alla perfezione nel corso dei decenni in questo Formato. Grazie alla loro popolarità Studi cinematografici non hanno voluto perdere

Leer más »