Film e Fumetti

Mortal Engines e The Hobbit sono errori copiati

Il nuovo film di Peter Jackson, Mortal Engines, fa gli stessi errori dello Hobbit ma ne esce peggio

Motori mortali potrebbe significare fino a 150 milioni di perdite per la Universal. L’adattamento del romanzo YA di Philip Reeve Mortal Engines è fallito nel suo weekend di apertura al botteghino. Dietro questo ci sono diverse ragioni, tra cui l’enorme concorso del mese di dicembre o la mancanza di successo nel marketing per ottenere un pubblico. Ma, senza dubbio, le più sorprendenti di tutte sono le somiglianze del film con Lo Hobbit.

I confronti tra le due produzioni sono stati effettuati anche prima Pietro Jackson è stato coinvolto. entrambe le storie lo sono fantasie epiche che si avvicinano alla realtà in modi unici. La differenza: uno di loro è ambientato in un lontano passato e l’altro in un mondo post-apocalittico. Tuttavia, entrambi seguono percorsi simili e sono aperti a un adattamento cinematografico.

Ciò nonostante, nessuno dei due è riuscito a stabilire un edificio mondiale come Il Signore degli Anelli. Entrambi sono stati annunciati come i successori della trilogia di Peter Jackson, ma una serie di decisioni creative dimostrano il contrario. In effetti, ciò che colpisce è che, nonostante le loro somiglianze, Solo uno di loro è considerato un fallimento.

Motori mortali

esigenze diverse

sebbene il fare film è un affare, ci sono alcuni progetti che non vengono realizzati con un interesse puramente finanziario. L’esempio perfetto è Il Signore degli Anelli. La trilogia creata da Jackson è stata motivata dalla sua passione per il materiale, oltre a guadagnare milioni di dollari. Inoltre, negli anni ’90, l’interesse per Hollywood era basso, il che gli ha permesso di lavorare al progetto senza ostacoli. Il risultato: una trilogia sul il lavoro di Tolkien tra gli anni 2001 e 2003.

Ma la forza creativa di Jackson è svanita in Lo Hobbit e continua in Mortal Engines. Dall’interesse del creatore sono diventati, per date, semplici obblighi dell’industria cinematografica. Lo Hobbit ha avuto molti problemi durante la sua produzione e ha costretto Jackson a lavorare contro il tempo. Alla fine quelli che sarebbero stati due film sono diventati una trilogia, qualcosa di molto messo in discussione dai seguaci della saga.

Per la sua parte, Motori mortali Non ha avuto lo stesso investimento di The Hobbit, ma ha avuto poco tempo per realizzarlo. Jackson ha acquistato i diritti del romanzo nel 2008, con l’intenzione di realizzare lui stesso il film. Tuttavia, il progetto lo ha tenuto fino al 2014, quindi Cristiano Fiumi ha assunto la direzione del film, che è entrato in produzione. Nonostante fosse in sviluppo da un decennio, il film è uscito prima della scadenza dei diritti.

E sebbene Mortal Engines non viva una situazione complicata come Lo Hobbit, la limitazione dei tempi ei problemi di produzione e di finanziamento sono stati presenti in entrambi. Tutti questi elementi hanno indubbiamente segnato entrambi i film.

Le carenze narrative e il motivo del fallimento di Mortal Engines

narrativamente, entrambi i film mancano di un protagonista chiaro. Questo fatto confonde il pubblico, dal momento che hanno bisogno di a una maggiore conoscenza dell’universo per capire chi è chiaramente il protagonista. In questi casi, parte dell’a rilievo corale, un elemento complesso da trasferire al cinema. Nel fatto più concreto di Mortal Engines, Christian Rivers, il suo regista, ha ammesso nelle interviste che le riprese sono state effettuate senza una sceneggiatura definita. Perciò, la storia è stata guidata da scenari e luoghi allestiti anni fa, non a causa dei personaggi o della storia.

Quindi, Com’è possibile che, nonostante tanta somiglianza, siano così diversi in termini di successo? Il motivo principale è che The Hobbit beve dal successo del suo predecessore. Il fatto di essere basato sul mondo creato da Tolkien, a cui si aggiunge la ricreazione dello stesso ne Il Signore degli Anelli, apre la strada per raggiungere un pubblico più vasto. Mentre, Motori mortali Ha una certa popolarità, all’epoca ancora maggiore. Tuttavia, pochi fan hanno chiesto a gran voce un adattamento cinematografico e lo scarso interesse si manifesta al botteghino con numeri discreti.

Entrambi i film lo mostrano Il Signore degli Anelli era una formula che funzionava davvero bene. Tuttavia, sfruttarlo e fare film come via di fuga, in stile Lo Hobbit o Le macchine mortali, suppone, alla lunga, un clamoroso fallimento. Resta da vedere se Peter Jackson imparerà da questi errori per progetti futuri.

Lascia un commento

Recensione di ‘Kung Fu Panda 3’ – Recensioni di film

“Kung Fu Panda 3” non rinuncia al rito che DreamWorks compiva nei suoi prequel, né nel ritmo né nella sostanza, ma è efficace quando, per quanto possa sembrare difficile, lo spettatore si ritrova con un esercizio 3-D che vale la pena pagare per il Entrata. Il divertimento per i genitori, mentre i bambini si godono

Leer más »

Speciale Festival del Cinema: Raccomandazioni

Come ottenere l’accredito al Festival del Cinema e 5 film consigliati. Torna il Festival del cinema. Il 3, 4 e 5 novembre si celebra la nona edizione di questa iniziativa, che promette di riempire nuovamente i saloni. Sono tre giorni che lasceranno travolgere il pubblico dalla magia del cinema e ad un prezzo davvero interessante:

Leer más »

Olivia Colman potrebbe unirsi al cast di Secret Invasion della Marvel

Secondo alcune indiscrezioni, Olivia Colman negozierà per unirsi alla Marvel e Samuel L. Jackson nella serie Invasione segreta Mentre sta trionfando come regina in The Crown e nominata all’Oscar per il suo lavoro in The Father, sembra che Olivia Colman abbia ancora tutto il tempo per far parte di un altro grande progetto. Come riportato

Leer más »

“Captain Marvel” sarà una commedia d’azione

La scrittrice di “Captain Marvel” Geneva Robertson-Dworet non ha potuto fare una commedia d’azione in “Tomb Raider” perché Alicia Vikander l’ha bandita, ma i Marvel Studios le hanno dato carta bianca per fare una commedia di supereroi con Carol Danvers (Brie Larson). Lo sceneggiatore di ‘Capitan Marvel‘, Ginevra Robertson-Dworetha assicurato che il primo film di

Leer más »

Recensione di “Alice nel paese delle meraviglie”

Alicia (Mia Wasikowska), una ragazza di 19 anni, partecipa a una festa in una villa vittoriana, dove scopre che sta per ricevere una proposta di matrimonio di fronte a un gruppo di persone mondane tese. Alice poi scappa, correndo dietro a un coniglio bianco, entra in una buca dietro di lui… e finisce nel Paese

Leer más »

Recensione di Batman v Superman: Dawn of Justice

Recensione del film Warner / DC Comics “Batman v Superman: Dawn of Justice”. Di fronte alla lettera lanciata dalla Marvel negli ultimi anni -travestita da una sfilza travolgente di film-, DC Entertainment e Warner Bros hanno ripreso il percorso verso una lotta cinematografica totale, per quello spettatore avido di intrattenimento, concentrato sul futuro dei loro

Leer más »

SPOILER: Possibile nuovo cattivo in “Avengers: Infinity War”

I Russo pubblicano un’immagine del set di ‘Avengers: Infinity War’ e la cancellano per paura di un possibile SPOILER del film, svelando un nuovo villain È solo una voce, ma è già una possibilità. Film a fumetti ha condiviso un probabile SPOILER da Vendicatori: Infinity Warlasciandolo cadere a nuovo cattivo entrerebbe nel film. Tutto è

Leer más »